ACQUARIUS RACCONTI LIQUIDI CON PANNA

Racconti, poesie, pensieri, prosodie, ricordi e anche immagini, video, musica. Liquidi come possono essere i sogni, la memoria, lo svolgersi dei pensieri, la realtà che sfugge a definizioni e limiti. Con panna perchè è bello essere golosi. Di tutto.

Montaggio creato Bloggif

Friday, May 05, 2017

VALERIA D'ARBELA

 







Cucina di formica azzurro linoleum, le fioriture proibite sui cornicioni come davanzali, cibo comunque, e una finestra che si affaccia su di un bagno che in un corridoio temporale porta direttamente a Venezia, Canal Grande, stanze grandi anticamere scure, cavedi, calli, il suono dei vaporetti, lo sciabordio delle gondole. Un corridoio temporale avanti e indietro, sui tetti di roma, specchi, lumi e tavoli da the sontuosi, marmo a scacchiera, profumi e vestiti della nonna, odori di frittate della sera precedente, il pianoforte, la lunga entrata dining room e dance hall per le feste, manichini vestiti strani trovati per strada, quadri, tele, disegni, l'odore della china, i ritagli di giornale, le cassette dei pooh, la gioventù, mamma, la maternità, l'incoscienza, la troppa coscienza, la cattiva coscienza, l'amore, il desiderio impossibile, l'arte e l'intelligenza del sorriso distaccato, emozioni tenute dentro, custodite per paura, la paura, la gioia, il dolore, i sogni, l'alcool, la solitudine, gli occhi chiusi, il silenzio, la consolazione di un piatto di pasta, i figli, appendici pesanti, la noia questa sconosciuta, il mare e il sole, la fuga, verso le spiagge, i viaggi in tenda, i libri e la letteratura, per costruire un mondo diverso e non accontentarsi del reale, scappare dalla realtà, ammantareil presente e il passato di storie la vita, come un libro, i personaggi della vita nei libri, gli amanti, un marito, un padre e una madre, una gemella, gemelle, un unico corpo astrale, un legame viscerale, il legame della vita. La malattia, la negazione, vivere perchè altri lo chiedono, assente per il troppo patire, per cancellare il male, poca luce sempre più piccola, buio notte morte.

(post pubblicato il 5 maggio 2012)

Wednesday, January 11, 2017

TROVATI NEL CASSETTO DEL WEB (LA GATTA SUL TETTO CHE SCOTTA... jimdo.com)

Venezia di notte

Le gambe come remi puntati sulla barca, navighiamo di notte tra i canali. Apocalypse in Venice. La note de i foghi. La notte del Redentore. Fuochi nel cielo e bagliori sull'acqua. Rombano i motoscfi ovunque. Non c'è più posto per le barche ai remi. Bisogna mostrare, ostentare. Atterra un jet contro la luna. Lampi di metallo contro il nero delle tenebre. Buio della ragione. Cecità. In tutta questa luce non si vede. Arriva lento l'umido e il salmastro del mare. Si sente il profumo dell'onda che si infrange più in  là sugli scogli. Oh Suzy Q dei Credence Clearwater Revival suona sull'antiquato  mangianastri portatile scuro. Musica sporca dagli altoparlanti. Vaghi sentori di fritto. Echi di  liti furiose. Ingiurie di ubriachi e rumori di spinte e percussioni in spiaggia. Gli allevamenti di cozze in laguna sembrano palafitte orientali e povere catapecchie sul fiume. Sagome di mostri acquatici sono invece yacht.  C'è un gondoliere che rema contro tutto questo, a bordo turisti ipnotizzati. Sedie, tavoli, panchine, ornano le fondamenta che brulicano di gente.
Palle colorate accese sulle terrazze e ancora musica jazz usa e getta. Chi ha scelto di dormire scavalca l'incubo e il sogno di chi ci èvenuto apposta. Tre spari ed è finito tutto. Dopo le granate di fuochi a cuore, i mortai di fuochi a cascata, come una notte di guerra ripresa per  abbonati tivvù, tutti a casa.
Mangia l'anguria che ti fa bene e ti sciacqua la bocca seccata dal fumo.
Buonanotte.





POETA WEB

  (i cavi immersi nella laguna miagolano come gatti)
(che ne sarà di tutto questo intricato intreccio di alghe e cavi?)
Alla fine tutto sarà sommerso come un pensiero sull'altro
alla fine di un lungo giorno di tanti pensieri


Assorto, http//poeta.web
corre il poeta notturno
a passi grandi
su tastiera grigia,
da qualche parte:
un transito
nel chissa' dove
d'un anello radiante,
tra le dita degli altri.
in quale luogo
e lo sguardo di chi
sobbalzera' con ritmo extrasistolico
per dire oh si
e leggere il poeta
insonne
- pensieri da lanciare -
fa parte del gioco
non sapere.



GUARDIAMOCI NEGLI OCCHI

GUARDIAMOCI PER FAVORE
NEGLI OCCHI
CONTINUIAMO PER FAVORE
A GUARDARCI NEGLI OCCHI
LA MORSA DI UNO SGUARDO
SICURO CALMO FORTE
D’AMORE
CHE NON INDIETREGGIA
UNA STRETTA VIRATA
A RITORNO CIRCOLARE
CHE NON CEDE
ALL’ OSS1DO AMARO DI
MALCONTENTI AVARI
UN ANELLO DI LUCI
COME FRONDE FREMENTI
GLI OCCHI PLANETARI
EMETTONO ONDE INTERMITTENTI
D’ AMORE
SOLIDI CUBI DI PASSIONE SINCERA
D’ INTELLIGENZA VERA
SI AFFACCIANO MORBIDI
BAGNATI DI EMOZIONI
GOCCIOLANTI PAROLE PURE
CHE ROTOLANO VIVE                                                                                                      
CORAGGIOSE  LIMPIDE
NON ABBANDONIAMOCI PER FAVORE
NON ABBANDONIAMOLI SOLI                                                                                                  
GLI OCCHI                                                                                                          
SEMPLICEMENTE A MEDITARE LA TRISTEZZA
SONO SPAZI
CHE PUOI MISURARE
SOLO CON ALTRI OCCHI
INTENSI
INTENTI A LEGARSI SLEGARSI
AD AMMICCARE CON UN COLPO DI CIGLIO
GLI OCCHI
PER FAVORE.



UNO

ED E' MEGLIO NON ASCOLTARE,

 TI HO VISTO SCOMPARIRE DIETRO L'ANGOLO,
                                                                                             (TUTTO QUEL BRUSIO
                                                                                             DI GENTE FAMELICA
                                                                                             POTERE-AVERE
                                                                                             A CONTENDERSI GLI SCRANNI)

 LIBERTA'

 CON QUEGLI OCCHI VERDI

 DI UN RAGAZZO CON LA CHITARRA IN SPALLA

 E DICEVANO CHE I LIBRI A FORMA DI CASCHI SON VIOLENTI

 I ROZZI PARCHEGGIATI IN EMICICLO

 SBAVANTI SUI LORO DENARI .



NOTTI, NIGHTS
 ( I )


Sottili tagli d'argento
tra aria e acqua
scuri
si confondevano
di notte sul mare.
Profumo denso
preciso
di piante.
A occhi chiusi ora
il lato positivo è che
c'è quel buio
coi graffi di metallo
segni leggeri
tra i miei occhi  al nero.
La musica densa
precisa
compensa l'assenza
di essenze in liberi effluvi.



( II )



Viva la notte
fedele ogni notte
insonorizzata quiete
intima accogliente
solitaria gemella
di pensieri molto avventurosi
ma distratti
e nel silenzio
musicali.

Monday, January 09, 2017

NEBBIA




NEBBIA DI BIANCHI E GRIGI
LATTEA  VELINA TRASPARENTE
ADAGIATA COME VETRO SATINATO
SILENZIO E FRUSCIO SIMILE A NEVE
PAUSA NELLE ORE DEL PRANZO 
SIPARIO DENSO E UMIDO
UN MIRACOLO CHE CELA
BRUTTURE E MOSTRI DI CAMPAGNA
QUELLA LOMBARDA
OPEROSA E SQUALLIDA.

Tuesday, June 07, 2016

RON MUECK SCULPTURES TRIBUTE VIDEO - LE SCULTURE DI RON MUECK



Ron Mueck, nato a Melbourne nel 1958 e attualmente residente a Londra, ha cominciato a lavorare presso una rete tv in un programma per bambini dove è rimasto per quasi vent’anni, prima di approdare alla sua arte.
Mueck è conosciuto per le sue sculture in materiali polivinilici, resine o materiale vario estremamente realistici.
Il video è un omaggio all'artista. I contenuti fotografici, e le opere sono di proprietà dell'autore. Così come la musica di Meredith Monk intitolata DolmenMusic.